Le news che ti proponiamo sono selezionate dalla rete. Si tratta di notizie tratte prevalentemente da siti istituzionali. Non pubblichiamo gli annunci in forma anonima, ma non possiamo assumerci la responsabilità della veridicità degli annunci pubblicati.

martedì 22 luglio 2014

Disoccupazione giovanile: coinvolgimento, riforma, adattamento

||
Esistono soluzioni concrete per i 5 milioni di giovani disoccupati dell'UE: questo è il risultato di uno studio compiuto dal Comitato economico e sociale europeo (CESE) e presentato alla sua 500a sessione plenaria (studio dal titolo "Attuazione delle politiche dell'UE per l'occupazione giovanile: la prospettiva della società civile"). L'Osservatorio del mercato del lavoro (OML) del CESE ha esaminato e valutato l'attuazione delle politiche dell'UE in materia di occupazione giovanile in sei Stati membri (Grecia, Croazia, Italia, Austria, Slovacchia e Finlandia), in stretta cooperazione con le organizzazioni nazionali dei lavoratori, dei datori di lavoro e dei giovani. La situazione differisce ampiamente da uno Stato all'altro: il tasso di disoccupazione giovanile varia dal 58,3 % della Grecia al 9,2 % dell'Austria, ma lo studio mette l'accento su soluzioni comuni che tutti gli Stati membri dell'UE potrebbero adottare con successo.Lo studio ha esaminato i sistemi di garanzia per i giovani negli Stati membri selezionati ed è giunto alla conclusione che, con una buona attuazione in partenariato con le parti sociali e le organizzazioni giovanili, la garanzia per i giovani racchiude un grande potenziale per indurre riforme strutturali.